Fattura elettronica tra privati, imprese e professionisti


In Italia per "fattura elettronica" si intende un documento, firmato digitalmente, scambiato tra un fornitore e un cliente, i quali soni vincolati a gestire il documento per tutto il suo ciclo di vita (10 anni) in modalità esclusivamente elettronica.

Il decreto legge 127 del 05/08/2015 ha esteso la possibilità di fatturazione digitale anche alle transazioni tra privati a partire dal 01/07/2016 disciplinando le regole per la trasmissione telematica delle operazioni IVA e di controllo delle cessioni di beni effettuata attraverso dispositivi automatici.

Il decreto ha previsto inoltre che:

dal 01/07/2016 l’Agenzia delle Entrate metta a disposizione dei contribuenti un servizio gratuito per la generazione, la trasmissione e la conservazione delle fatture elettroniche;

 

interscambio

dal 01/01/2017 venga estesa alla fatturazione elettronica tra privati lo stesso “sistema” già in vigore per la fatturazione elettronica verso la P.A., tramite l’invio telematico all’Agenzia delle entrate dei dati di tutte le fatture emesse e ricevute mediante il Sistema di Interscambio.

 

 

digitsssIn sintesi: professionisti, imprese e commercianti nei rapporti con altro privato potranno trasmettere la propria fattura elettronica destinata ad altro soggetto privato, attraverso il Sistema di Interscambio (SdI), e gestirne i dati anche ai fini della loro integrazione nei sistemi di monitoraggio della finanza pubblica.

 

 

 

Scegliere la fatturazione elettronica: l’opzione tra privati è facoltativa e per chi vi opterà avrà effetto dall'inizio dell'anno solare in cui esercitata fino alla fine del quarto anno solare successivo (5anni) e, se non revocata, si estenderà di quinquennio in quinquennio.

 

 

ft ele

Cosa deve essere fatturato elettronicamente: tutte le transazioni/prestazioni che scaturiscono dai rapporti con clienti e fornitori.

 

 

 

 

Quali vantaggi e semplificazioni:

  • Rimborsi IVA entro 3 mesi dalla richiesta;
  • Esonero dall’obbligo dello spesometro;
  • Abolizione comunicazioni Intrastat limitatamente agli acquisti intracomunitari e alle prestazioni di servizi ricevute da soggetti stabiliti in un altro Stato membro dell’Unione europea;
  • Per soggetti passivi di “minore dimensione” l’A.E. fornirà un programma di assistenza per liquidazioni IVA e dichiarazione annuale IVA;
  • Introduzione dello scontrino digitale.