Bonus 110% Dl. RIlancio (Superbonus 110%)


Il Bonus prevede la detrazione del 110%, per le spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021.

Le stesse possono essere recuperate in cinque anni o trasformate in sconto in fattura.

In alternativa è prevista anche l'eventuale CESSIONE DEL CREDITO: le modalità attuative della cessione del credito alle banche, saranno dettagliate da un provvedimento dell’Agenzia delle Entrate, che andrà adottato entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del dl Rilancio. Si stima come data il 19 giugno 2020.

  • Cappotto termico in condominio

Coibentazione di pareti e coperture.

Spesa massima di 60.000,00 euro per unità immobiliare (più del 25% della superficie disperdente).

Recupero classe energetica.

 

  • Isolamento del tetto di un edificio

Rifacimento del tetto di una casa singola con coibentazione.

Solo se i lavori incidono su oltre il 25% di superficie disperdente lorda, spesa massima di 60.000,00 euro per unità immobiliare.

Recupero classe energetica.

 

  • Impianto termico centralizzato

Sostituzione dell’impianto di riscaldamento condominiale.

Con impianti centralizzati a condensazione o a pompa di calore.

Spesa massima 30.000,00 euro per unità immobiliare.

 

  • Nuova caldaia in abitazione singola

Sostituzione dell’impianto di riscaldamento in unità singole.

Spesa massima 30.000,00 euro per unità immobiliare.

 

  • Interventi antisismici

Messa in sicurezza antisismica di case e condomini.

Valido nelle zone sismiche 1, 2 e 3.

Spesa massima 96.000,00 euro.

 

  • Recupero di villetta o casa singola

Ristrutturazione di un’abitazione monofamiliare.

I bonus precedenti (ristrutturazione 50% - sismabonus 70 o 80% su una spesa massima di 96.000,00 - ecobonus 65% con spesa massima in base al tipo di lavori) diventano cedibili o scontabili in fattura.

E’ previsto il bonus del 110% solo per i lavori di risparmio energetico ad esempio cappotto, isolamento, caldaia ecc.

 

 

  • Tinteggiatura o restauro della facciata

Rimane invariato il bonus precedente del 90% per le spese sostenute entro il 2020, su tutti gli edifici in zona urbanistica A o B, è però possibile la cessione del credito o lo sconto in fattura.

E’ previsto il bonus del 110% se congiunto: nel caso in cui si effettui un intervento (ad es. coibentazione c.d. cappotto termico) utilizzando il bonus 100% la tinteggiatura rientrerà nello stesso, scontando aliquota di recupero del 110% in 5 anni per una spesa massima complessiva di 60.000,00 euro.

Restano escluse le seconde case.

 

  • Impianto fotovoltaico con accumulo

E’ previsto il bonus del 110% se congiunto: ossia nel caso in cui si effettui un intervento previsto dal bonus 110% (ad es. coibentazione c.d. cappotto termico).

La spesa massima è di 48.000,00 euro (e comunque di 2.400 euro per ogni kW di potenza nominale dell’impianto; e 1.000,00 euro per ogni kW di capacità di accumulo, per accumulatori integrati).

 

  • Cambio di finestre e infissi

Sostituzione di finestre comprensive di infissi.

E’ previsto il bonus del 110% se congiunto: ossia nel caso in cui si effettui un intervento previsto dal bonus 110% (ad es. coibentazione c.d. cappotto termico).

 

 

  • Lavori edilizi in una singola abitazione

Spostamento di una parete o altri lavori edili straordinari interni a un alloggio o una casa monofamiliare.

Rimane invariata la detrazione del 50% per ristrutturazione edilizia, su una spesa massima di 96.000,00 fino al 2020.

Possibile la cessione del credito o sconto in fattura.

 

  • Installazione di un nuovo condizionatore

Nuova installazione di un condizionatore in casa.

Rimane invariata la detrazione:

Bonus edilizio del 50% per ristrutturazione edilizia, su una spesa massima di 96.000,00 fino al 2020 (pompa di calore) possibile cessione del credito o sconto in fattura.

Bonus mobili del 50% spesa massima 10.000,00 in questo caso però NO cessione del credito o sconto in fattura e recupero in 10 anni.

 

 

  • Acquisto di mobili per arredare casa

Rimane invariata la detrazione.

 

  • Rifacimento o modifica dei giardini

Rimane invariata la detrazione Irpef del 36% fino a una spesa di 5.000,00 euro per unità immobiliare abitativa, da recuperare in 10 anni.