Ritenute ridotte per gli agenti di commercio/Agenzia/Procacciamento


Gli agenti di commercio/agenzia/procacciamento detti percipienti possono emettere in fattura ai loro committenti, preponenti o mandanti la ritenuta di acconto commisurata al 20% dell'importo delle provvigioni (quindi non più il 50%), con applicazione dell'aliquota invariata del 23%.

    Senza nome 1                                

Per poter usufruire della riduzione, dal 50% al 20% delle provvigioni sulle quali è calcolata l'aliquota di ritenuta del 23%, i percipienti devono avvalersi, nell'esercizio della propria attività, della collaborazione continuativa di dipendenti o di terzi e aver cura di spedire, l'apposita dichiarazione ai soggetti che corrisponderanno le provvigioni (committenti, preponenti o mandanti).

La suddetta dichiarazione dovrà essere spedita entro il 31/12 dell'anno precedente a quello di applicazione, tramite raccomandata o pec (conservarne copia e ricevuta) ed avrà durata pluriennale, quindi fino a revoca. (Rif. art. 25-bis del D.P.R. 29/9/1973, n. 600, art. 27 del D.Lgs. 21/11/2014, n. 175).

Per dipendenti si considerano tutti quei soggetti che prestano nell'impresa la loro attività lavorativa, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione del percipiente.

I soggetti terzi invece sono i collaboratori dell'impresa familiare del percipiente direttamente impegnati nell'esercizio dell'attività commerciale svolta nell'ambito dell'impresa stessa (coadiuvanti) e gli associati delle associazioni in partecipazione quando il loro apporto sia costituito esclusivamente dalla prestazione di lavoro.

Importante ricordare che, per usufruire del beneficio è necessario inviare entro il 31/12 dell'anno precedente una lettera firmata, via raccomandata o tramite pec. La durata è pluriennale fino a revoca.